Chi siamo

Madri Canossiane

Figlie della Carità – Serve dei poveri

madre_canossaS. MADDALENA di CANOSSA
( 1774 – 1835 )

“…mi parve volontà di Dio  che non cercassi altro che di vivere  completamente abbandonata  alla sua divina volontà.”

Memorie di Maddalena Cap.I-20
Noi, Figlie della Carità Canossiane abbiamo ricevuto un Dono da Dio.
Questo prezioso dono ci consente di:     Penetrare il cuore di Dio nella più eloquente espressione: Cristo crocifisso; Esprimere l’amore senza misura attraverso l’annuncio del Vangelo e la promozione e la cura dei più bisognosi.

Accompagnare gli altri a capire, esprimere e condividere lo stesso Amore.

Figlie della Carità Canossiane

di San Gioacchino al Castello di Ballabio

Le Madri si sono stabilite ial Castello il 2 luglio 1953 sicuramente il luogo più bello di Ballabio.

La prima superiora è stata Anna Saporiti, coadiuvata da altre tre consorelle di cui una Luigia Cugnaschi nativa di Ballabio Superiore che si era fatta suora, possedeva molti beni e, essendo figlia unica senza eredi lasciò tutto all’ istituto delle Madri Canossiane che le vendettero per acquistare il Castello. Questa struttura era diversa dall’ attuale: esisteva solo la struttura centrale ed un grandissimo parco con alberi secolari.

All’ inizio il castello viene utilizzato come colonia estiva. Poi presero il via la scuola di lavoro, con 15 ragazze del paese, l’ oratorio estivo e la catechesi. La prima bambina che è entrata nella scuola materna si chiamava Enrica Scaioli.

Nel corso degli anni, l’ apostolato delle madri si è ampliato con l’ arrivo di bambini, ragazzi e villeggianti. La Casa viene utilizzata anche dalle ragazze dell’ Azione Cattolica e da adulti per ritiri spirituali, come luogo di meditazione per Parrocchie, consigli pastorali, gruppi di ragazzi degli oratori e per i ritiri spirituali.

Inoltre ospitiamo le suore del nostro Ordine per i Santi Esercizi, ritiri per le ragazze delle nostre scuole superiori e per i laici.

Un ospite illustre del Castello di Ballabio, c’è il cardinale Carlo Maria Martini quando era arcivescovo di Milano, nella cronaca  si è dovuto allungare il letto, per l’alta statura del prelato che altrimenti non avrebbe potuto dormire !

Le Madri continuano con impegno a svolgere le lori funzioni nella scuola materna, della catechesi, in aiuto all’Unità Pastorale di Ballabio e della pastorale del malato e terza età e Catechesi pre-battesimale. Dal 2012 al 2018 ricostituiscono e seguono con le Madri Superiori Anna Maria Giussani e Madre Mariangela Moioli il Gruppo Chierichetti Unitario di Ballabio.

La fondatrice dell’ ordine è Santa Maddalena di Canossa che lasciati i suoi beni fonda in povertà a Congregazione delle Canossiane. La Casa Madre è a Verona, la Casa Generalizia è a Roma. Le Madri di Ballabio dipendono da territorio di Milano.